Speciale Comunali 2014 Annone Veneto Cinto Caomaggiore Concordia Sagittaria Fossalta di Portogruaro Gruaro Teglio Veneto

Video

Pagine:

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. ...
  5. 107
  6. 108


31/07/2021 - Primo piano e Cronaca

AGGIORNAMENTO SUL CASO GAIATTO/VENICE INVESTMENT CON L'AVV. GIANLUCA LIUT

Dopo l'ultima udienza del 19 giugno 2021, avvenuta presso il Tribunale di Pordenone, che ha visto il patteggiamento di 6 imputati coinvolti nel "Caso Gaiatto/ Venice Investment", sono andato nello studio legale dell'avv. Gianluca Liut, che si trova in Via Martiri a Portogruaro, per avere un aggiornamento su quella che da più parti è stata definita una MEGA TRUFFA, dove sono "spariti" milioni di euro, con migliaia di investitori truffati che ancora attendono di sapere se riusciranno a recuperare qualcosa delle somme versate... e intorno ai SOLDI ruota questa intervista, che reputo molto interessante, a tratti anche illuminante, e che spero apra gli occhi a quanti credono nei soldi facili e come poi sia difficile recuperarli, ammesso che ci si riesca, una volta persi.


23/07/2021 - Primo piano e Cronaca

Voghera, il video della vittima che colpisce l'assessore...

Massimo Adriatici, l’assessore/sceriffo leghista del Comune di Voghera, nelle sue prime dichiarazioni subito dopo il tragico episodio che ha visto la morte di un cittadino marocchino senza fissa dimora, persona con diversi problemi anche di carattere mentale, ha detto che mentre veniva spinto a terra, in quel frangente gli sarebbe partito per sbaglio un colpo di pistola, poi risultato mortale per la vittima colpita in pieno petto. Ebbene, dalle immagini dell’unico video fino adesso pubblicato, possiamo notare che dopo essere stato colpito ed era a terra, “Musta” (così era chiamato lo straniero) era ancora illeso, tanto che ha raccolto qualcosa da terra (forse il telefonino "volato via" di Adriatici), ed è andato incontro all’assessore/giustiziere che ha cercato di tenerlo lontano scalciando… e fino a qui nessun sparo! Ora, nel suo secondo interrogatorio, a 2 giorni di distanza, penso anche assistito dal suo avvocato, afferma di non ricordare più bene il momento in cui ha sparato perché era andato in confusione…


01/07/2021 - Primo piano e Cronaca

PORTOGRUARO: LA PROTESTA A DIFESA DEL VERDE DURANTE IL CONSIGLIO...

Portogruaro martedì 29 giugno 2021, la protesta davanti al Municipio durante lo svolgimento del Consiglio comunale a salvaguardia del VERDE che questa Amministrazione vuole ridurre/eliminare per questioni di viabilità (?!)... VERGOGNA, si sente echeggiare nella piazza e fin dentro il Palazzo...


21/04/2021 - Primo piano e Cronaca

Grillo irato a difesa figlio: "Lui e suoi amici 4 coglioni, non 4 stupratori..."

Il video postato sui suoi canali social dal garante M5S Beppe Grillo.

«Mio figlio è su tutti i giornali come uno stupratore seriale insieme ad altri tre ragazzi. Voglio chiedervi, voglio una spiegazione sul perché un gruppo di stupratori seriali, compreso mio figlio, non sono stati arrestati. Perché non li avete arrestati?». Così il garante M5S Beppe Grillo, in un video postato sui suoi canali social. «La legge dice che gli stupratori vengono presi e messi in galera, interrogati in galera o ai domiciliari. Sono lasciati liberi per due anni... Perché non li avete arrestati subito?», incalza Grillo prendendo le difese di suo figlio Ciro. ( Corriere Tv ).

 

Insomma, per Beppe suo figlio e i suoi tre amici sono quattro coglioni e non quattro stupratori... e io dico che era meglio se stava zitto!


16/03/2021 - Primo piano e Cronaca

"Un tempo piccolo", di Serenella Antoniazzi - Storia di Paolo e Michela

Gemma Edizioni - Per acquistare il libro vai al nostro sito > clicca qui

Michela Morutto, 47 anni e Paolo Piccoli, 48, sono una coppia che vive, attualmente, a Concordia Sagittaria, una cittadina di circa undicimila abitanti che fa parte della Città Metropolitana di Venezia. Michela e Paolo hanno due figli: Mattia (10 anni) e Andrea (6 anni). Nel 2014, Paolo inizia un lungo iter diagnostico per comprendere i motivi dei suoi continui malesseri. La sua giovane età porta i medici, un po’ frettolosamente, a diagnosticargli una depressione. Tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, esami più approfonditi portano alla diagnosi definitiva: Paolo è affetto da una forma di Alzheimer presenile. Da quel momento la sua vita, insieme a quella di tutta la sua famiglia, cambierà per sempre. Michela e Paolo decidono allora di raccontare la loro storia, terribile e umana, unica e universale, perché famiglie come la loro vivono in uno stato di ingiusto isolamento – frutto di pregiudizio, impotenza e incapacità, che annebbiano persone e istituzioni. Questo libro non è un romanzo, né un’opera di fantasia. Anche laddove, per ragioni legate alla privacy, i nomi di terzi fossero stati modificati, nulla viene tolto alla veridicità di quanto raccolto. 

successivo

© 2021 Gianfranco Battiston
Portogruaro

Realizzato da equo.biz